Archivio | settembre 2007

la vita……

UN’ ESPERIENZA MERAVIGLIOSA…..
La mia vita, a volte una leggera brezza e a volte un turbine che tutto stravolge…. Un giorno…, un’ora…, un momento alle stelle e un altro cado giù… Comunque sia, "ti amo vita mia", esperienza  meravigliosa di gioia e di dolor. Il mio cuore impazza di tale dono, ed ogni giorno sento e vedo nascere sentimenti nuovi, forti emozioni ed una lacrima scendere dagli occhi miei. Son viva, tutto intorno e dentro me palpita e mi illumina di amore. Poesia soave e diavolerio… voglio viverti.
Albetta
                                                                                     
Annunci

libertà…..

 
Sulle ali della libertà……..
 
……. e dopo aver tagliato i rami….. ormai secchi della mia esistenza….., perchè ho capito che era necessario e giusto farlo, "ora sono libera di volare…..", posso dare il meglio di me, perchè mi sento apposto con me stessa e gli altri, perchè non devo dipendere più da niente e da nessuno…, perchè non ci son più condizionamenti…, perchè questa riacquistata libertà di decidere, di fare, di sentire…, mi permette di evolvermi e migliorarmi sempre più, nell’intento di poter essere di aiuto non solo a me stessa ma anche ad altri….
Per troppo tempo son stata chiusa nel mio bozzolo come una crisalide…, per paura, per  timidezza e insicurezza, perchè dicevo: tanto a cosa serve…, a volte per egoismo o tornaconto e perchè non avevo la forza per combattere…., perchè ero schiava delle situazioni e degli altri, perchè ero condizionata dal mio stesso io…
Ed ora che ho ritrovato me stessa, anche grazie all’aiuto di altri…, "spicco il volo….." leggera come una farfalla, assaporando tutto ciò che di bello c’è intorno e dentro me, potendomi esprimere come voglio senza più barriere…, amando me stessa e gli altri in un abbraccio infinito e senza più riserve….., nella consapevolezza di uno scambio…. e sempre nel rispetto del libero arbitrio altrui…, accettando anche un no…, un silenzio…, una non firma o risposta…., una contraddizione…, una scortesia…, un allontanamento…, un non amore…, ecc….
Per troppo tempo ti ho cercata bella e amata libertà,
ed ora che ti ho trovata ……..
 
 
 
 
 
 
 

amico è…..

 
L’amicizia
 
"Avevo bisogno di affetto, volevo sentire una mano nella mia mano, volevo essere ascoltata ed ascoltare, aver un qualcuno a cui dire un segreto, a cui confidare i miei sentimenti, i miei pensieri e i miei desideri.
 
Il mio "codice" per sigillar un’amicizia:
 
a) stima vicendevole
b) distacco da se
c) nobiltà di cuore e di sentimenti
d) lealtà
d) fedeltà
e) libertà
f) umiltà
g) semplicità
ecc.
CHI TROVA UN AMICO TROVA UN TESORO………
 
 
 
 
 
 
 
 
 

l’amicizia….

 
Le cose che viviamo……
 
Quando l’amicizia ci attraversa il cuore,
lascia un’emozione che non se ne va.
Non so dirvi come, ma succede solo
quando due persone fanno insieme un volo.
Che ci porta in alto, oltre l’altra gente,
come fare un salto nell’immensità.
E non c’è distanza, non c’è mai,
non ce n’è abbastanza, se tu sei già dentro di me,
per sempre.
In qualunque posto sarai, in qualunque posto sarò,
tra le cose che vivi, io per sempre vivrò.
In qualunque posto sarai, ci ritroveremo vicino,
stretti l’uno nell’altro, oltre il destino.
Su qualunque strada,in qualunque cielo
e comunque vada, noi non ci perderemo.
Apri le tue braccia, mandami un segnale,
non aver paura che ti troverò.
Non sarai mai solo perchè io ci sarò,
continuando il volo, che mi riporta dentro te
per sempre.
In qualunque posto sarai, non esisteranno confini,
ma solamente due amici più vicini.
Credi in me, non avere dubbi mai
e tutte le cose che vivi, se son vere come noi,
io lo so e tu lo sai, che non finiranno mai.
In qualunque posto sarai, in qualunque posto sarò,
se mi cerchi nel cuore, io nel tuo cuore vivrò.
In qualunque posto saremo, ci ritroveremo vicini,
stretti l’uno nell’altro oltre il destino!
In qualunque posto sarai, in qualunque posto sarò,
tra le cose che vivi io per sempre vivrò.
 
 
 

il cambiamento

Cambiamento…..
 
E’ ormai casa risaputa che facciam tutti parte di un’era soggetta a continui cambiamenti.
Mi accorgo che io stessa ogni giorno son diversa, cambio e mi trasformo a seconda di ciò che mi capita, a seconda delle persone con cui parlo, a seconda delle cose che faccio, ecc… in una continua metamorfosi che mi permette di entrar in contatto con la mia anima, con la mia essenza e di riflesso con quella degli altri.
Sto cambiando…. non per egoismo, non perchè voglio pensar solo a me stessa, sto curando il mio cambiamento, per essere così partecipe di un cambiamento generale.
E mi ritrovo continuamente a riflettere su cosa devo ancora capire, cosa devo approfondire, qual’è la cosa più importante in questo periodo, che devo affrontare in modo prioritario?
E’ ovvio che per ogniuno di noi il discorso è diverso.
Ora sento molto importante e più di ogni altra cosa, il mio contatto con voi tutti, in un discorso di comprensione, di fratellanza e di partecipazione.
Credo che dovrò esaminare appprofonditamente queste tre parole, per una nuova consapevolezza.
Mi accorgo che è molto difficile arrivar ad una vera comprensione, perchè molte volte viene meno l’ascolto.
Mi dico che non posso comprendere una persona e una certa situazione, se non son pronta ad entrare in quella situazione e nelle problematiche di quella persona. Comprendere l’altro è dare "amore", dare energia e dare ascolto se necessario, comprendere, non incensando e nemmeno per demolire, in un equilibrio di non staticità.
E qui entra in gioco la fratellanza, che intendo come la comunione di due o più anime, che insieme procedono per una lunga strada, verso il sole…Sole
E allora so che devo abbandonare la superbia, l’orgoglio ed anche la timidezza, che mi impediscono di avvicinarmi ad una determinata persona e ad una situazione. L’umiltà mi aiuta ad entrar in comunione, ma so che devo anche agir, perchè non è stando ferma che arriverò al traguardo.
Insomma, so che devo esser partecipe con amore, armonia, comprensione, non nella sudditanza, non nel mio egoismo o nell’approfittarmi, ma in quella unione di anime, come le nubi del cielo camminano prima parallele e poi arrivano anche ad unirsi e compenetrarsi, come se fossero un’unica cosa, come se si unissero in un unico abbraccio, così dalla mia e dalla vostra anima , una nuova scultura ne uscirà.
Voglio donarvi il mio sorriso insieme al mio amore, in quella comprensione, fratellanza e partecipazione. Sorriso
 
 
 
 

notizie….

Notizie…..
Come vi avevo promesso…. eccomi qui per darvi alcuni cenni sulle origini della Fiera di San Nicola che si tiene ogni anno a PESARO (PU) dal 10 al 12 settembre.
La fiera risale al 1600 in occasione dell’inaugurazione del nuovo porto voluto dal duca Francesco Maria II Della Rovere, ultimo duca roveresco della città. Il nuovo porto, inaugurato nel 1612, era quindi una delle infrastrutture più importanti per il traffico mercantile del ducato. In quello stesso anno molti mercanti presentarono istanza al duca, affinchè venisse ripristinata la fiera, come era già di consuetudine anni orsono. Il binomio porto-fiera era dunque annoverato fra le principali entrate finanziarie della città. Inizialmente fu scelto il mese di marzo, ma per via dell’agguerrita concorrenza di altre fiere limitrofe sempre in quello stesso periodo, non ebbe più seguito e decadde.
Tornando ai giorni nostri, si chiama fiera di San Nicola, perchè il primo giorno cade e si festeggia San Nicola da Tolentino, così mi è stato riferito da una signora molto gentile.
Arrivederci…… dunque al prossimo anno, se Dio vorrà….
Ciao
 
 

le nebbie….

Le nebbie…. son sparite 
Non credevo mi potesse succedere in così poco tempo, in così poche ore. Eppure mi è successo.
Era un po’ che non vedevo chiaro e che più passavan i giorni  e più la confusione regnava sovrana nella mia vita.
Mi son bastate due semplici cose
una: l’aiuto di alcune amicizie, che mi hanno aiutata a veder chiaro intorno a me e che con il loro semplce affetto, mi hanno ridonato un po’ di pace…; seconda: un qualcosa di cui purtroppo mi son accorta questa mattina e sulla quale preferisco non esprimermi.
Questi due eventi mi son bastati, per  far sparir una volta per tutte, quelle nebbie che mi avvolgevano da mesi.
Mi sento come liberata da un oppressione, ma purtroppo anche svuotata di quelle nebbie…, che se pur nebbie…, mi han tenuta viva.
Riprendo in mano il libro…. della mia vita, era fermo e chiuso in un cassetto da un po’ e mi ritrovo a voltare pagina…., si, perchè l’ultima pagina da me scritta, anche se per certi versi vissuta intensamente e meravigliosamente, non era scritta a caratteri indelebili e chiari, non era scritta nel modo giusto per me.
Ora ho davanti a me una pagina…. bianca, candida come la neve. Cosa scriverò?
Non lo so ancora, o forse sì…., ma so che d’ora in poi, in questo meraviglioso e fantastico libro che è la mia vita, voglio scrivere a caratteri indelebili, solo cose belle e gioiose, le brutture, scusatemi l’espressione, le lascio a chi le vuole e forse si merita di avere.
Detto ciò, voglio ringraziar  soprattutto chi con pazienza, affetto ed amicizia, ha condiviso con me gli ultimi tristi e scombinati … avvenimenti della mia esistenza, non voluti e ne cercati.
 
§§§§§§§§
 
Grazie "DIO" per ciò che mi doni ogni giorno, per il tuo vero e totale amore e per la forza che mi infondi nel superar ogni ostacolo nel mio camminar…..
 
ArcobalenoSoleSorriso